FOTO OTTICA VISION : STORIE DI TUTTI I GIORNI

Per chi ha problemi visivi la prima azione che compie è la ricerca di un medico specializzato in oculistica, poi un ottico che possa interpretare al meglio le richieste e necessità dell'individuo sia persona adulta che bambino.Sorridiamo Vedendo.

27 dicembre, 2005

Interviste a Daniele Luttazzi


Provoco, ergo sum, di Stefania Rossini, L’espresso, 10 luglio 2003
Visto da vicino, Daniele Luttazzi è esattamente come appare in tv: occhi accesi, muscolatura rigida, linguaggio torrentizio e colto, risata di gola come intercalare. Inutile chiedersi se stia replicando il suo personaggio di comico o se davvero la sua natura sia questa: rapsodica, severa, elitaria, razionale e, soprattutto, blasfema.

L’intervista a Travaglio ha cambiato la sua vita. Se ne è mai pentito?
Neanche un po’.
La rifarebbe?

Certo. Berlusconi ha fatto la vittima perché è il suo modo di lucrare consensi, ma ciò che davvero non ha sopportato è che sia stato un comico, all’interno di un programma di intrattenimento, a far parlare l’autore di un libro che lo riguardava.
Forse non ci siamo abituati. Lei non è Bruno Vespa.
Ho fatto ciò che Vespa non farebbe neanche sotto tortura, ma che in altri Paesi si fa normalmente. Tutti dicono di ammirare David Letterman, lo showman americano che dà del tonto e del cocainomane a George Bush, ma se arrivasse in Italia durerebbe mezzo secondo.
Ha provato a ripresentarsi in Rai?
Eccome! Dicono: non ci interessa. C’è tutta gente nuova e molto ubbidiente. Carlo Freccero, che è un genio della tv, è tenuto in una stanzetta a fare nulla.
Ma lei cosa va a proporre?
Un monologo satirico di un quarto d’ora, da mandare in onda ogni sera dopo il tg. Sarebbe la vera alternativa a “Striscia la notizia”, farebbe grandi ascolti. Ma hanno paura di non potermi controllare e di ritrovarsi un programma per un pubblico intelligente, mentre loro pensano di avere solo un pubblico da educare.
Ammetterà però che qualche volta ha esagerato. A quale pubblico si riferiva, per esempio, mangiando in diretta cacca al cioccolato?
A tutti, cioè alle persone capaci di entusiasmarsi, di stupirsi, di irritarsi o anche di scandalizzarsi. Le feci riguardano il corpo, quindi da una parte il comico, dall’altra il sacro. Ci sono ancora popolazioni, come gli indiani Pueblo, che bevono urina e mangiano feci nelle loro cerimonie religiose. Loro non hanno dimenticato che non c’è sacro senza cacca.
Anche sui temi del sesso lei non conosce mezze misure…
E perché dovrei? Essere osceni è il mestiere del comico. Inoltre il corporeo e la sua oscenità si impongono con evidenza se sei uno spirito sensIbile. Pensi a Mozart, che è il mio Dio, e alle lettere licenziose che intratteneva con la cugina. Da Aristofane in poi gli argomenti della satira sono quattro: politica, religione, sesso, morte. Non se ne esce. Questi temi occupano la nostra vita e le relazioni che abbiamo con il prossimo. Il campo da dissodare è vastissimo e il mio unico cruccio è che non basti il tempo di una vita per farlo.
Nel suo “ 101 cose da evitare a un funerale “, una sua battuta dice: “Evitare di avvicinarsi alla bara e mettersi a fare paragoni fra la lunghezza del proprio organo sessuale e quello del defunto.” E’ sicuro che se ne possa ridere?
Si può, si deve. Quella battuta essenziale riguarda i temi primari. C’è la morte, c’è il sesso, c’è il sacro e forse c’è anche la politica. E’ una cosa normalissima.
Tanto normale non è. C’è solo lei in Italia a prendere a cazzotti questi temi.
In Italia forse. Ma nella storia della letteratura ce n’è a bizzeffe. Faccio un nome a caso: Rabelais.
Lei è sempre stato così o ha trovato un modo formidabile per essere unico?
Sono sempre stato così. A sette anni, mettevo in scena omicidi nelle varie stanze della casa: facevo recitare i miei fratelli e chiamavo i miei genitori ad assistere alle rappresentazioni.
Chi erano gli assassinati?
Non si sa. Ho capito più tardi che forse ero alle prese con una reminiscenza della scena primaria. A quattro anni sorpresi i miei che nel buio facevano l’amore. Fu una cosa impressionante, mi sembrava che qualcuno stesse strangolando mia madre e scoppiai a piangere disperatamente. Mia madre cercò di rassicurarmi, accesero la luce, quella notte mi fecero dormire con loro, era tutto ok. Io non ne ero convinto. C’era qualcosa che mi sfuggiva.
Ha avuto un’educazione cattolica?
I miei erano persone sensibili, dei pedagogisti illuminati. Erano però anche dirigenti dell’Azione cattolica, con una certa fissazione per la religione. Ho fatto il boy scout fino a vent’anni. Col tempo mi sono reso conto che la religione è un modo di interpretazione del reale come ce ne sono tanti. Ma il fatto che non lo si ammetta e che si tenda a nobilitare con la religione la coercizione o il plagio mi dà fastidio. D’altra parte ho fatto studi medici.
In cosa l’aiuta la medicina?
A intuire la radice biologica della religione. Né Marx che la denunciava come oppio dei popoli né Freud che la metteva fra le grandi illusioni potevano indagare l’aspetto biologico di questa grande consolazione di massa. In noi potrebbero esserci delle tracce mnestiche legate al periodo uterino, l’eden in cui abbiamo vissuto nove mesi meravigliosi. Perché non pensare che tutto nasca dalla nostalgia di quel periodo? Abbiamo un sentimento edenico, non lo troviamo nella memoria e lo elaboriamo in una religione.
Alla fine non posso non chiederglielo. Per lei la comicità è una difesa?
E’ l’ultima difesa.
By Daniele Luttazzi

Criminoso, intervista di Livia Teglio, 15 giugno 2003.
Satira politica, critica della religione, analisi sociale: a Daniele Luttazzi piace affrontare temi rilevanti. E' un comico polemico, fedele ai suoi punti di vista, straordinario nel rendere divertenti, attraverso la verità e l'ironia, gli argomenti più scabrosi. Non offende le persone: solo i loro pregiudizi. Vidi un suo monologo a teatro, qualche anno fa, e ricordo di essere rimasta colpita dalla sua favolosa gentilezza blasfema. Luttazzi è l'antidoto alla comicità tranquilla e blanda che la tv commerciale ha ormai imposto all'uditorio mondiale come modello, la comicità che ha lo scopo di rassicurare e intontire con i suoi parossismi prevedibilissimi. Luttazzi è il tipo che tutta quella merda se l'è mangiata.
Come mai non ti vogliono in tv?Hanno paura di me e questo mi piace. Sanno che faccio ridere su cose di cui non vogliono che si rida. Ho una sensibilità particolare. Credo di essere l'unico ad aver trovato esilarante “Il silenzio degli innocenti”. Sono morto dalle risate: un tipo che uccide donne grasse per scuoiarle e indossarle come fossero cappotti! Ululavo. La pubblicità di quel film ammoniva: “E' così pauroso che stringerete i braccioli della poltrona finché le vostre nocche non saranno bianche. Non riuscirete a dormire dopo aver visto questo film.” Ho pensato: “Io mi sento così dopo aver visto un film con Boldi e De Sica. Cammino avanti e indietro per la stanza, non riesco a dormire, sono spaventato. Faranno un altro film natalizio, quei due? Cos'è, hanno firmato un patto col diavolo? Ognuno dei loro film fa schifo. Come ci riescono? Forse dovrebbero scuoiare Boldi e De Sica e mettere le loro pelli addosso a persone divertenti.”
Non ti piace la comicità alla Vanzina?Preferisco i film porno a quelli dei Vanzina. I film porno sono meno prevedibili.
Hai mai pensato di fare cinema?Un anno fa ho ricevuto una proposta interessante dai produttori dell'incredibile Hulk. Dovevo interpretare il pacco dei suoi pantaloni. Ho rinunciato a causa di un impegno teatrale con la Compagnia della Rancia: ero il primo linfocita T ad abbandonare la nave nel musical sulla vita di Freddy Mercury.
Ci sono argomenti su cui vieti a te stesso di fare battute?No. Mi stupisco sempre quando qualcuno trova offensiva la battuta su un argomento scabroso e poi ignora l'evento in sè. Non ho mai visto un monologo comico bombardare popolazioni civili per prendersi il loro petrolio.
Cosa faresti se potessi tornare in tv?Vorrei essere il protagonista di una versione rinnovata del Grande fratello. Io dentro la casa con Elio Vito e un martello. Qualcosa che non avete mai visto. E non vorrete più rivedere.
Ti resta il teatro.Faccio monologhi da 15 anni e il mio entusiasmo è intatto. Il rischio, col tempo, è di fare le fine del ginecologo che non si diverte più a drogare e stuprare le sue pazienti.
Come si diventa comici?Non c'è una regola, ma il fatto di non avere un soldo, abitare coi tuoi genitori ed essere ancora vergine a 33 anni aiuta. Se ci riesci.
Qual è il segreto della - - -Rapido. Devi essere rapido.
E' stata una gavetta dura?Una volta mi sono trovato sul naso un'unghia mangiata. Facevo spettacoli in posti improbabili in coppia con un mio amico comico che aveva un'emiparesi. Io andavo in scena prima di lui. Sapevo il suo pezzo a memoria. Una volta decido di fargli uno scherzo e recito il suo pezzo, emiparesi e tutto. Quindi lo presento dicendo:- E adesso un comico che rifà esattamente quello che faccio io, ma solo per prendere in giro chi ha degli handicap.- Lui entra e non fa in tempo a cominciare che uno del pubblico gli urla:- Bastardo!-
Qual è la comicità migliore?Quella che illumina angoli bui della mente. Pensa a Giuliano Ferrara dentro una vasca da bagno con Berlusconi e Dell'Utri che gli pisciano addosso e Previti che gli caga in bocca. Va già meglio, no?
L'umorismo è l'arma più potente contro demagoghi e tiranni?Ovvio. Quanto sarebbe durato Hitler se Woody Allen avesse fatto monologhi su di lui? Adesso che ci penso: quanto sarebbe durato Woody Allen?
Perché ce l'hai con la religione?Le religioni sono pericolose. Non puoi correggere un'istituzione quando è una religione. Guardate come i musulmani lapidano le loro donne. Non potrebbero farla franca, se non fosse per motivi religiosi. L'odio viene da qualche meandro profondo, ma le religioni gli danno una cornice nobile. Ecco perché sono pericolose. Sono assurde. Gli ebrei non mangiano carne di maiale. Una legge rituale vecchia di 5000 anni, quando non era stata ancora inventata la salsa Worchester. Quanto al cattolicesimo, il messaggio è: la sofferenza eterna attende tutti coloro che mettono in discussione l'amore infinito di Dio. Credi o muori. Grazie Signore per tutta questa scelta.
Quali sono i tuoi hobby?Costruisco modellini di aeroplano usando il mio pene come colla.
By Daniele Luttazzi

La mia sfida ai cinque tabù della Rai, intervista di Andrea Scanzi, il manifesto, 3 marzo 2003
Il suo ultimo spettacolo, Adenoidi, è ovunque sold out. La clandestinità teatrale rafforza il legame fisico-affettivo tra artista e spettatore. In tv, Luttazzi non ci può andare. “Ed è un peccato. La tv offre possibilità tecniche che il teatro non ha.” Paga ancora le polemiche di Satyricon. Berlusconi non ha risposto. Ha querelato.
Lui, Forza Italia, Fininvest, Mediaset e Cremonini ( il boss della carne ) mi chiedono più o meno 160 miliardi di lire. Non ce li ho. Non faccio l’idraulico.
L’anno scorso Berlusconi ha imposto l’esclusione dalla Rai di Biagi, Santoro e Luttazzi.
Un dirigente Rai mi ha spiegato che esistono cinque temi tabù su cui non si può ironizzare liberamente come piace a me:; la religione, il capo dello Stato, gli handicap fisici, le razze diverse e l’omosessualità. L’ho ringraziato. La prossima volta che torno in tv, in diretta, la prima battuta che dirò sarà: “ Cristo d’un Dio!, dice Ciampi, quello zoppo di un negro è una checca! “
Qualcuno ti chiede ancora se esiste la censura in Italia.
Io ne sono una prova. Quando lavoravo a Mediaset con Barracuda, come primo ospite mi mandarono Martelli. Gli chiesi di Berlusconi. Mi rispose:” Berlusconi non è un politico, è un piazzista.” Quella frase non andò mai in onda. La tagliarono al montaggio senza avvertirmi. Questa è la libertà di Mediaset.
E Le iene? Striscia?
Quella non è satira. E’ giornalismo con sfottò. E lo sfottò è sempre reazionario. Io aspetto che Striscia faccia un’inchiesta sul falso in bilancio di Berlusconi, non sul suo fard. Sono trasmissioni funzionali a Berlusconi, perché danno l’illusione che le reti Mediaset siano libere.
In Adenoidi attacchi duramente Costanzo.
Ho visto la sua intervista a Berlusconi prima della pausa estiva. Avrebbe potuto chiedergli di tutto: la depenalizzazione del falso in bilancio, il processo Lodo Modadori, il conflitto d’interessi, All Iberian... Costanzo non chiese nulla. Pochi giorni dopo, ho fatto uno spettacolo alla festa de l’Unità di Reggio Emilia. In programma c’era un’intervista a Fassino fatta da Costanzo. La sinistra deve smetterla di confondersi con questi personaggi.
A proposito, la sinistra come sta?Mi ricorda i quadri di Jackson Pollock. Un caos espressionista, spesso astratto.
Con Berlusconi sei durissimo.Il suo governo, oltre che fascista, è pure illegale. La legge italiana vieta a chi ha concessioni pubbliche di candidarsi. E il delirante “editto di Arcore” scritto per lui da Giuliano Ferrara conteneva passaggi eversivi. Repubblica presidenziale, giustizia sottoposta all’esecutivo, affossa-mento della tv pubblica: è il programma di questo governo, scritto vent’anni fa da Licio Gelli. Stanno realizzando una sorta di golpe al rallentatore. Devono andare via. Ci siamo vaccinati, adesso basta.
Quando hai capito che volevi fare teatro?
A Santarcangelo di Romagna, dove sono nato, vidi il Dialogo di Gaber e Mistero buffo di Dario Fo. Rimasi totalmente affascinato. Con un amico facevo a gara a chi riusciva a far partire gli applausi. A fine spettacolo, Fo disse:” Per curiosità, chi erano quei due cretini che applaudivano a caso?”
Quando tornerai in tv?
Al prossimo governo. Forse.
By Daniele Luttazzi

Capolavori, intervista di Rodolfo Di Giammarco, La Repubblica, 29 dicembre 2002
Un inventario di facce, busti, profili e pose con corredo di mini-testi fulminei. Qual è il significato di questo libro spiazzante, Luttazzi?
Il mio ideale è sempre stato quello di scrivere libri brevi e divertenti che possano essere capiti da tutti, anche da Gasparri.
Da quand’è che disegna?Disegno da quando avevo quattro anni, quotidianamente, per motivi di igiene.
Un bilancio del 2002?Un bell’anno lontano dalla tv trascorso a frequentare ragazze, mentre Berlusconi era con Buttiglione, Tremonti, Fini e Bossi. Non lo invidio.
By Daniele Luttazzi

0 Comments:

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home